Non basta scusarti ora, non dovevi sbagliare prima

Ecco il messaggio chiaro, forte e percepibilissimo dei “gilet gialli”.

Si, anche stavolta gran parte del popolo francese sta dando al mondo una dimostrazione di coraggio e di forza d’animo nel combattere quelle ingiustizie che da troppo tempo stanno asfissiando tanti cittadini, italiani compresi.

Anche se il presidente Macron sta dicendo di voler accettare quasi integralmente le richieste dei manifestanti riguardanti l’abbassamento delle tasse, che negli ultimi anni hanno portato il caro vita a livelli insopportabili, loro non si fermano e veramentenon arretrano di un millimetro”, anzi vanno avanti e chiedono le sue dimissioni!

Sponsorizzazione

Ma perché fanno così anche se il loro presidente sta innalzando bandiera bianca e cedendo praticamente su tutto?

Io ho la mia personale idea.

Il non volersi fermare sta a significare che non intendono perdonare gli errori fatti negli ultimi anni.

Il messaggio è davvero chiarissimo: NON DOVEVI SBAGLIARE PRIMA…ORA NON BASTANO LE SCUSE, DEVI ANDARTENE!

Per la prima volta da molti anni a questa parte si sta gridando forte ai politici di tutto il mondo: “…stai attento che se sbagli non avrai modo di redimenti…”.

Forse proprio di questo abbiamo bisogno per responsabilizzare chi, una volta eletto, si sente intoccabile e pensa di aver acquisito “la sapienza infusa nel vasto cervello” (Cit. Luigi Einaudi in Licenziare i Padreterni).

C’è bisogno di trasmettere una sana sensazione di paura perché è proprio questo sentimento che, nella maggior parte dei casi, riesce a sensibilizzare l’essere umano.

Ecco, a mio modesto parere solo quando il politico avrà paura dei cittadini riuscirà a fare il bene della collettività e non solo di pochi.

L’upgrade della politica potrà avvenire solo in questa maniera!

N.B. Ai sensi della legge sul diritto d’autore (L. 22 aprile 1942 n. 633) si fa espresso divieto di riproduzione dei contenuti del presente articolo da parte di terzi senza citarne la fonte espressamente. Per le riproduzioni on-line inserire il link di questo post.

Lascia un commento