L’importanza della formazione per il reddito di cittadinanza e per il lavoro. Attuazione “Protocollo d’Intesa Lavoro”

Con la legge di bilancio 2019 il Governo ha istituito il reddito di cittadinanza che, presumibilmente partirà i nei prossimi mesi.

È un provvedimento certamente utile ad una fetta di popolazione che allo stato non ce la fa ad andare avanti e a cui bisogna dare un’opportunità per non farla restare indietro (principio sacrosanto sancito dalla Costituzione Italiana).

È una misura che punta nell’immediato a dare assistenza a coloro i quali si trovano in grave situazione di disagio sociale, ma che entro qualche mese devono iniziare a formarsi adeguatamente per rispondere alle richieste di lavoro del mercato.

La formazione è alla base di tutto perché non è sempre vero che non si trova lavoro, a volte non si trovano lavoratori che sanno lavorare!

Altro problema che dovrebbe risolversi con l’attuazione del reddito di cittadinanza è quello dell’organizzazione dell’incontro tra domanda ed offerta.

Si apprende che verranno potenziati i centri per l’impiego e saranno attivate collaborazioni con soggetti privati e del terzo settore in grado di contribuire a raggiungere gli obiettivi contenuti nel decreto che proprio oggi (giovedì 10/01/2019) dovrebbe essere emanato dal Governo dopo il CdM.

L’attuazione del Protocollo d’Intesa lavoro

A tal proposito voglio citare in questo post il percorso che da qualche anno un gruppo di sconosciuti, nel silenzio assoluto degli organi di informazione e senza alcun contributo pubblico, sta portando avanti proprio perché già allora aveva individuato quale fosse la necessità più impellente per le persone ed in particolare per i giovani, ovvero il lavoro.

Si tratta dei rappresentanti di Asseimprenditori, di tutte le scuole di II grado di Cassino (capitanate dal Dirigente Marcello Bianchi), dell’Ente Nazionale per il Microcredito e dell’Abbazia di Montecassino.

Era il 9 gennaio 2017 quando è stato sottoscritto il “Protocollo d’Intesa Lavoro” che prevedeva molte delle misure del reddito di cittadinanza con più spiccata propensione al lavoro autonomo ed all’autoimprenditorialità.

Non sto qui a dilungarmi su tutti i motivi che ci hanno spinto ad impegnarci per fare tutto ciò, ma li lascio alla vostra considerazione.

E finalmente il 27 dicembre 2018, proprio in attuazione del Protocollo d’Intesa Lavoro, presso l’I.I.S. “Medaglia d’Oro – Città di Cassino“, è partito il primo corso di formazione completamente gratuito rivolto ai ragazzi ed alle ragazze con età compresa tra 18 e 29 anni.

In questo momento, assistiti da docenti di prim’ordine, stanno apprendendo tutte le informazioni su come iniziare a lavorare autonomamente senza dire grazie a nessuno.

Alla fine del corso (febbraio 2019) gli verrà fatta, sempre gratuitamente, la domanda per avere un finanziamento agevolato emanato da Invitalia, con importo fino a 50.000 euro, per realizzare la propria idea o passione di vita.

L’attestato rilasciato, riconosciuto in UE, certamente sarà utile e valorizzante per il reddito di cittadinanza.

Le prossime misure

Inoltre a brevissimo partiranno altre misure rivolte anche a platee diverse di persone e verranno attuati i protocolli per l’incontro dei neo formati con le aziende del territorio.  

Le politiche lavorative territoriali, le misure nazionali a disposizione dei cittadini locali

Questo progetto è un esempio concreto di fattivo impegno per lo sviluppo delle politiche lavorative locali. Abbiamo preso importanti opportunità nazionali e sinergicamente le stiamo offrendo alla cittadinanza locale.

[N.B. tale misura è replicabile anche su altri territori. Per avere più info contattami]

Lascia un commento