Lettera aperta al Primo Cittadino di Cassino. Via Collecanne, questa sconosciuta!

LETTERA APERTA AL PRIMO CITTADINO DI CASSINO. VIA COLLECANNE, QUESTA SCONOSCIUTA!

Salve sig. sindaco!

              Sono un’abitante di Collecanne, una contrada della città di Cassino; ma, prima di tutto, sono una cittadina italiana, che ci mette la faccia esponendo la precaria situazione in cui sono costrette a vivere le persone del posto.

Persone che pagano regolarmente le tasse e che si aspettano, anzi sognano da sempre di avere una strada che, seppure stretta e tortuosa, permetta loro di essere percorsa senza correre il rischio essere inghiottiti dalle profonde buche disseminate ovunque, tanto che non si riesce più a distinguere dove finisce l’asfalto e dove comincia la terra battuta.

Già diverse volte, negli ultimi mesi, gli abitanti hanno cercato di far sentire la propria voce e il proprio disagio esponendo, anche attraverso raccolta di firme, la difficile situazione in cui versano non solo i residenti, ma anche quelli che, per questioni di lavoro o di altro, sono costretti a percorrere quotidianamente la strada Collecanne e non si capisce come si continui ad ignorare volutamente la richiesta.

Ora più che mai la contrada Collecanne non viene presa in considerazione.

Sembra essere diventata invisibile: è come se non esistesse e non facesse parte del territorio di Cassino. Forse perché troppo distante dalla città, forse perché troppo poco abitata, forse perché troppo poco importante per il “palazzo” comunale.

E’ chiaro a tutti che Collecanne è un lembo di terra troppo piccolo, troppo insignificante, troppo frammentato politicamente per richiamare l’attenzione dei politici che si alternano e si contendono il comando della città e, proprio a loro, vorrei ricordare che Collecanne è ubicato nell’estrema periferia sud di Cassino, a pochissimi chilometri dal termocombustore di San Vittore, ai confini con Rocca d’Evandro, piccolo, ridente centro della provincia di Caserta, dotato di strade ampie e in perfetto ordine.

Leonarda Oliva

Lascia un commento