Per colpa di pochi ominicchi arrogantelli e puerili!

«««Questi pochi ominicchi arrogantelli e puerili…fanno male a noi e a loro!»»»

Fino a qualche anno fa era una bella città che viveva la gioventù alla sera per le vie del centro e permetteva ai più tranquilli di passeggiare anche a tarda notte senza doversi preoccupare.

Si lo era! Oggi purtroppo inesorabilmente e non per colpa nostra le cose stanno cambiando (o sono già cambiate?). Alla sera e nei weekend la maggior parte dei giovani cassinati e i ragazzi e le ragazze dei paesetti limitrofi non si vedono più nell’agorà cittadina (e sarei curioso di sapere come occupano quel tempo che prima passavano a ridere e a gironzolare per il nostro Corso della Repubblica e Viale Dante). 

Cosa è successo? Era meglio prima o adesso?

Era meglio prima, senza alcun dubbio!

Oggi si respira una generale e diffusa area di preoccupazione. Qualche ora dopo il calar del sole, specialmente dal lunedì al giovedì, la bella Cassino diventa terra di nessuno. Si vedono gruppi di immigrati (sempre in gruppi di almeno 6-7 persone) in tutti gli angoli del centro. Ma se per qualsiasi motivo ti accerchiano tu che stai da solo che gli vai a dire? Ti devi solo stare.

Vogliamo affermare che è normale, che è l’integrazione? No, non lo posso accettare. Io dico che è colpa di chi, a livello nazionale, specula e si arricchisce spennando quella che è diventata la “gallina dalle uova d’oro”: la controversa questione inclusione sociale.

È di stasera la notizia che il centro di accoglienza di Sant’Anna (Isola di capo Rizzuto) era gestito dalla cosca arena della ndrangheta. Oltre a fasi fare pagamenti per prestazioni mai erogate somministravano “cibo per porci” (si sono fottuti 32 mil. di €). Trattavano quelle persone, esseri umani, peggio degli animali.

La domanda che mi pogo è la seguente: può essere che anche sul nostro territorio la gestione di questa redditizia attività sia controllata dalla malavita per il tramite di taluni prestanome? Io ho il sospetto di si.

Loro continuano ad arricchirsi e noi ne subiamo le conseguenze.

In tutto questo la giustizia? Gli addetti ai controlli perché non approfondiscono rapidamente?

Sembra che tutte le risorse delle forze dell’ordine in questo periodo siano indirizzate all’anti movida (io sono convinto che la sana movida faccia bene ad una città), a quello che somministrano i bar dopo la mezzanotte e al consumo di droga. I malpensanti penserebbero che si voglia distogliere l’attenzione da cose molto più gravi e più urgenti.

La bella Cassino non può finire così per colpa di pochi ominicchi arrogantelli e puerili!

N.B. Con quest’articolo non intendo fomentare la violenza o l’intolleranza, ma tento semplicemente di stimolare un sano ragionamento nei cittadini.

Lascia un commento